image1 image2 image3 image4

La Libridinosa|Cosa fai nella vita?|Leggo!

Instagram @lalibridinosa

Recensione 'La figlia del podestà' di Andrea Vitali


SINOSSI
Bellano è in gran subbuglio. Con apposita delibera, Agostino Meccia, l'autorevole podestà della cittadina affacciata sul lago, ha deciso di perseguire un progetto assai moderno e ambizioso: una linea di idrovolanti che collegherà Como, Bellano e Lugano, darà lustro alla sua amministrazione, attirerà frotte di turisti e farà schiattare d'invidia i comuni limitrofi. Tutto sembra filare liscio, in quel placido e fascistissimo 1931. Anche se c'è un problema: per le casse di un piccolo comune l'investimento sarà enorme, e oltretutto l'idrovolante dovrà essere debitamente collaudato. E poi Renata, la figlia del podestà: fino a ieri era solo una bambina, ora è diventata così strana, non avrà mica qualche capriccio?
TITOLO: La figlia del podestà
AUTORE: Andrea Vitali
EDITORE: Garzanti
DATA DI PUBBLICAZIONE: 2005
PAGINE: 350
CODICE ISBN: 9788811597582
PREZZO: 18.60 €
E-BOOK: 3.99 €

VOTI
Trama 7
Personaggi 6
Stile 7
Incipit 7
Finale 6
Copertina 6
Voto complessivo 6.5
La mia valutazione:

Bellano, 1931. Renata Meccia è l'unica figlia di Agostino, il podestà. Ed è una ragazza con un caratterino tutto pepe che crea non pochi pensieri ai genitori.
Il padre, che la vede cambiare giorno dopo giorno, dovrà combattere con la sua scelta amorosa proprio mentre cerca di mettere in pratica l'esosa idea di portare a Bellano una linea di idrovolanti che collegherà Como e Lugano.
A far da contorno, come sempre, disavventure, amori, segreti, una serie di personaggi e finale con sorpresa!
Sinceramente, questo è stato il primo romanzo di Vitali che mi ha lasciata qualche perplessità: tanti, forse troppi, i personaggi e, quindi i nomi (non sempre comuni) da tenere a mente; tante, forse troppe, le situazioni da dipanare, non ultimi alcuni salti nel passato dei personaggi che servono all'autore per spiegare alcune situazioni del presente, ma che aggiungono al lettore l'ennesima sfilza di personaggi e situazioni da conoscere.
Nonostante ciò, la storia in sé  è piacevole e si legge volentieri, anche se non all'altezza di altri romanzi di Vitali.
Tempo di lettura: un giorno

Share this:

CONVERSATION

0 pensieri dei lettori:

Posta un commento