image1 image2 image3 image4

La Libridinosa|Cosa fai nella vita?|Leggo!

Instagram @lalibridinosa

Una pagina da... #5

28

Una pagina da… è la rubrica del mercoledì in cui vi riporto la pagina che sto leggendo del libro che sto leggendo (scusate il gioco di parole!).

Il libro che sto leggendo in questi due giorni è un romanzo che mi corteggiava da un po' di tempo.

Io prima di te
Di
Jojo Moyes
Urlava qualcosa rivolto alla finestra, ma era difficile capire cosa dicesse per via del brusio e dei fischi in sottofondo. Poi, come se ammettesse per un attimo la sconfitta, si fece largo tra la folla, aprì l'auto, caricò un po' delle sue cose sul sedile posteriore e sbatté vigorosamente la portiera. Stranamente, mentre la collezione di CD e i videogiochi avevano riscosso un discreto successo, nessuno facce una piega per la sua biancheria sporca.
Bum! Ci fu un istante di silenzio quando il suo stereo si schiantò sul violetto.
Lui alzò gli occhi, incredulo. <<Stronza fuori di testa!>>
<<Tu ti scopi quel mostriciattolo strabico e appestato dell'officina, e sarei io la stronza fuori di testa?>>
Mia madre si rivolse a mio padre. <<Vuoi una tazza di tè, Bernard? Fa freschino, non trovi?>>
Mio padre non staccò gli occhi dalla parte dei vicini. <<È proprio quello che ci vuole, cara. Grazie.>>
Fu mentre mia madre rientrava in casa che notai l'auto. Era così inaspettata che non riconobbi subito la Mercedes di Mrs Traynor, blu mare, slanciata e discreta. Lei accostò, osservando furtivamente la scena sul marciapiede, ed ebbe un attimo di esitazione prima di scendere. Si trattenne un istante, scrutando le varie case, forse controllando i numeri. E poi mi vide.
Sgusciai fuori dal portico e raggiunsi il vialetto prima che papà potesse chiedermi dove stavo andando. Mrs Traynor era rimasta un po' distante dalla folla, fissando quel caos come Maria Antonietta davanti a un manipolo di contadini in tumulto.
<<Lite familiare>> dissi.
Distolse lo sguardo, come se si sentisse imbarazzata per essere stata sorpresa a guardare. <<Capisco.>>
<<È abbastanza costruttiva secondo i loro standard. Stanno andando dal consulente matrimoniale.>>
Il suo elegante tailleur di lana, le perle e i capelli curati bastavano a far sì che si distinguesse nella nostra strada, fra le tute e i tessuti dozzinali nei colori chiassosi tipici dei grandi magazzini. Sembrava rigida, ancor più della mattina in cui, tornando a casa, mi aveva trovato a dormire nella stanza di Will. Registrai in qualche angolo remoto della mente che non avrei sentito la mancanza di Camilla Traynor.

PAGINA 116


Share this:

CONVERSATION

0 pensieri dei lettori:

Posta un commento