image1 image2 image3 image4

La Libridinosa|Cosa fai nella vita?|Leggo!

Instagram @lalibridinosa

Recensione 'Il mio nome è Nessuno. Il ritorno' di Valerio Massimo Manfredi - Mondadori



Titolo:
Il mio nome è Nessuno. Il ritorno
Autore: Valerio Massimo Manfredi
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione:10 settembre 2003
Pagine: 335
Prezzo: 19 €
Versione e-book: 9.99 €
Trama: Ci sono voluti dieci anni ininterrotti di guerra e di sangue, di amori feroci e di odio inestinguibile, per sconfiggere i Troiani. Ora Odysseo deve rimettersi in viaggio con i suoi uomini per fare ritorno a Itaca, dove lo attendono la moglie fedele, il figlio lasciato bambino, la ricompensa per tante sofferenze solida, grande e desiderata quanto il letto nunziale intagliato nel tronco d'ulivo.
Ma il nòstos, il ritorno, è una una nuova avventura: Odysseo deve riprendere la lotta, la sua sfida agli uomini, alle forze oscure della natura, al capriccioso e imperscrutabile volere dei dei. Vano è disporre gli animi alla gioia del ritorno: l'eroe e i suoi compagni dovranno affrontare imprese spaventose, prove sovrumane, nemici insidiosissimi come il ciclope Polifemo, i mangiatori di loto – il fiore dà l'oblio – e poi la maga incantatrice che trasforma gli uomini in porci, i mostri dello Stretto, le Sirene dal canto meraviglioso e assassino... Il multiforme Odysseo, il coraggioso Ulisse, l'astuto Nessuno dovrà raggiungere i confini del mondo e addirittura evocare i morti dagli inferi, sperimentando lo struggimento più immedicabile al cospetto di chi ormai vive nel mondo delle ombre, e ancora finire su un'isola misteriosa dove una dea lo accoglierà e lo terrà avvinto in un abbraccio dolcissimo e pericoloso per lunghi anni...
Poi, finalmente, il cuore colmo di dolore per i compagni perduti lungo la rotta, ecco compiersi il ritorno. Il giorno dell'esultanza. Il giorno della vendetta.

Voti:
Trama  9
Personaggi  8
Stile  10
Incipit  8
Finale  9
Copertina  9
Voto complessivo 8.8
 
Perché Manfredi scrive così poco? Perché non pubblica un libro ogni sei mesi? Potrei decidere di tornare a scuola e studiare sui suoi testi!
Dopo il primo racconto, in cui ci ha portati a conoscere Odysseo, a vedere fanciullo e poi adulto, innamorato, sposo e poi padre; dopo la sanguinosa ed infinita guerra di Troia, dopo la presa della città, questa volta Manfredi ci porta ad accompagnare Odysseo nel suo infinito viaggio di ritorno.
E allora, ecco la gioia di un marito e di un padre, che dopo 10 anni, si mette in viaggio per tornare nella sua casa, tra le braccia della sua Penelope, per poter finalmente vedere Telemaco, lasciato bambino, attaccato ancora al seno della madre.
Ma nulla va come si vorrebbe. E gli dei, famigerati, decidono di punire Odysseo e rendere il suo viaggio lungo, impervio e pieno di dolore.
Così, dopo essere salpati dalle coste di Troia, il nostro eroe si ritroverà a a dover combattere contro ogni tipo di mostro.
Prima dovrà combattere contro il popolo dei mangiatori di loto che inebrieranno i suoi compagni al punto che molti di loro non vorrebbero più tornare indietro.
E poi l'incontro col gigante Polifemo
Aveva un solo occhio sotto la fronte, ardente come una brace ma fisso e apparentemente inerte
che mangerà alcuni dei suoi compagni e che Odysseo, l'uomo dai mille pensieri, riuscirà ad ingannare con astuzia e coraggio, riuscendo così a salvarsi, ma attirando su di sé l'ira di Nettuno, padre di Polifemo.
Chi di noi non ricorda ancora, dai tempi della scuola, le parole di Polifemo quando viene accecato da Ulisse e, mentre i suoi amici ciclopi, gli chiedono spiegazioni per le sue urla, lui risponde: "Nessuno mi fa del male. Nessuno mi assale. Aiutatemi!".
Continuo a sostenere che si potesse studiare sui libri di Manfredi, si imparerebbe di più e più volentieri!
Dopo essere scampato alle fauci di Polifemo, Odysseo si ritroverà ad approdare sull'isola della maga Kirke, colei che trasforma gli uomini in porci. Vivrà con lei momenti di amore, finché deciderà di attraversa
la nebbia che separa i mondi
e arrivare sino al mondo dei morti, dove
Tiresia dagli occhi spenti, colui che aveva rivelato a Tebe la ragione del castigo degli dei
gli rivelerà ciò che Odysseo vuole ad ogni costo sapere
<<Tu cerchi il dolce ritorno, Odysseo, un ritorno che il dio dell'abisso ti renderà duro, perché gli hai accecato il figlio e senza pietà lo hai umiliato. Tornerai, ma tardi e male, avendo perduti tutti i compagni, su nave straniera, e troverai la casa invasa da uomini arroganti che divorano le tue ricchezze e insidiano la tua sposa.
E così Odysseo si rimetterà in viaggio, tornando nuovamente tra le braccia di Kirke, incontrando poi la dea Calypso, con cui vivrà per molti anni, perdendo, ad ogni nuovo viaggio, molti dei suoi compagni.
Finché, esausto, stanco e invecchiato, approderà su una splendida isola, dove verrà accolto da
Nausicaa, di immensa bellezza
che di lui si infatuerà e che vorrebbe farne il suo sposo. Ma Odysseo brama la sua terra, la sua sposa e suo figlio e così, aiutato dai genitori di Nausicca, ripartirà su nave straniera e senza più alcuno dei suoi compagni e approderà, finalmente, dopo dieci lunghi anni, nella sua amata Itaca.
Ma non è la fine delle sue pene. Perché, come predetto da Tiresia, troverà la sua casa piena di uomini che insidiano Penelope, che gli è sempre rimasta fedele.
Odysseo li ucciderà tutti e riprenderà possesso della sua casa e della sua sposa. Ma come predice il suo nome, la sua sventura non è ancora arrivata alla fine. E così, un giorno, si ritroverà costretto a ripartire per fare in modo che il dio Nettuno accetti il suo sacrificio e gli lasci vivere in serenità gli ultimi anni della sua vita.
Ed è così che ci lascia Manfredi, con Odysseo perso in questo lungo ed impervio viaggio, perché di una seconda ipotetica Odissea scritta dal poeta Omero non si è mai trovata traccia. E allora...
Io che sono e sarò finché un giorno, chissà dove, chissà quando, incontrerò un uomo che mi chiederà se quello che porto sulla lucida spalla non sia un ventilabro per separare la pula dal grano, e finalmente riabbraccerò per sempre Penelope mia, il mio figliolo coperto di bronzo abbagliante, regnerò su popoli felici. Io che sono tutti e chiunque.
Io che sono Nessuno.
Penso non ci sia bisogno di dire, che tanto quanto il primo volume, questo libro mi ha affascinata, ammaliata, coinvolta. I lunghi tempi che ho impiegato per portarlo a termine sono dovuti, purtroppo, ad ingerenze esterne che mi hanno spesso impedito di leggere con la serenità che un libro del genere richiede!
La mia valutazione:Photobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image Hosting



Share this:

CONVERSATION

0 pensieri dei lettori:

Posta un commento