Enter your keyword

mercoledì 20 novembre 2013

Recensione "La cena di Natale di Io che amo solo te" di Luca Bianchini - Mondadori



Titolo: La cena di Natale di Io che amo solo te
Autore: Luca Bianchini
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione:19 novembre 2013
Pagine: 227
Prezzo: 12.00 €
Versione e-book: 4.99 €
Trama: È la vigilia di Natale e sono tutti più romantici, più buoni, ma anche un po' più isterici. Polignano a Mare si sveglia magicamente sotto la neve che stravolge la vita del paese, dividendolo tra chi ha le gomme termiche e chi no.
La più sconvolta è Matilde, che riceve quella mattina un anello con smeraldo da don Mimì, suo marito, "colpevole" di averla troppo trascurata negli ultimi tempi. Lei si esalta a tal punto da improvvisare un cenone per quella stessa sera nella loro grande casa, soprannominata il "Petruzzelli", in cui troneggia un albero di Natale alto quattro metri e risplendono le luminarie sul tetto. L'obiettivo di Matilde è sfidare davanti a tutti Ninella, la consuocera, il grande amore di gioventù di suo marito. E Ninella, che a cinquant'anni è ancora una guerriera, accetta la sfida. Sbaglia però a farsi la tinta "biondo Kidman", che la renderà meno sicura, ma non per questo meno bella.
Quella sera, alla stessa tavola imbandita si siederanno, tra gli altri: una diciassettenne ossessionata dalla verginità (Nancy); una zia con tendenze leghiste (Dora); una coppia (Chiara e Damiano) in cui il marito forse ha messo incinte due donne, e un ragazzo gay (Orlando) che ha dovuto scrivere a mano su pergamena undici menù, in cui spicca il "supplì alla cozza tarantina" preparato con il Bimby.
Tra cocktail di gamberi, regali riciclati, frecciate  e risate, ne succederanno di tutti i colori. Ma ai due consuoceri, Ninella e don Mimì, importerà solo essere seduti uno accanto all'altra.
Chi si è divertito con Io che amo solo te e vuole sapere che fine hanno fatto i suoi indimenticabili protagonisti, li ritroverà qui con le loro nuove avventure. Chi non li conosce ancora, avrà modo di scoprirli a questa Cena di Natale dove saranno più in forma che mai.

Voti
Trama  8
Personaggi  10
Stile  9
Incipit  10
Finale  9
Copertina  10
Voto complessivo  9.3

Eccoci di nuovo qui, a Polignano a Mare. Damiano e Chiara sono sposati ormai da qualche mese e stanno provando ad avere un figlio. Pascal (il truccatore) e Mariangela (la migliore amica di Chiara) sono ormai una cosa sola, tanto da essere definiti MariangelaPascal (unica parola, senza intermezzi e senza respiri!). Annunziata, Nancy per gli amici, la sorella di Chiara, sogna ancora di perdere la verginità.
E Ninella e don Mimì? Perché, diciamocelo, chi ha letto Io che amo solo te, ha condiviso con Chiara le ansie di una ragazza giovane in procinto di sposarsi, ha riso davanti al menù multi portate tipico dei matrimoni del sud; ma, in fondo, tutti ci siamo innamorati di Ninella e don Mimì, i due consuoceri, innamorati da una vita, che, finalmente, coroneranno (anche se in parte) il loro sogno d'amore!
E, quindi, con questo nuovo libro, vogliamo tutti sapere cosa ne è stato dei due consuoceri e della loro storia d'amore! E quale miglior occasione del Natale per riunire ancora una volta le due famiglie?
Così, quando il giorno della vigilia, Matilde, moglie di don Mimì Scagliusi, re delle patate di Polignano a Mare, riceve in dono un anello con smeraldo, decide improvvisamente di organizzare un cenone per riunire tutta la famiglia, ma, soprattutto, per fare sfoggio, davanti alla consuocera-rivale tanto odiata, del magnifico regalo di suo marito!
Da questo spunto prende vita una serata in parte tragicomica, in parte romantica! Casa Scagliusi, detta anche il Petruzzelli, illuminata a festa e con un enorme albero, diventerà teatro di confessioni, riavvicinamenti, sparizioni improvvise...
Davanti ad un menù su pergamena con angioletti, rigorosamente scritto a mano da Orlando, Matilde cercherà di ribadire il suo ruolo ufficiale di "moglie di don Mimì". Peccato che, grazie allo zampino di zia Dora, appena arrivata da Castelfranco Veneto con una serie di pacchi pieni di regali riciclati, Ninella e don Mimì riusciranno ad avere, nuovamente, un momento tutto loro!
Chi mi conosce, chi mi frequenta, chi si è semplicemente ritrovato a gravitare nell'arco del mio respiro negli ultimi mesi, chiunque mi abbia chiesto: "Mi consigli un libro?", si è sempre sentito rispondere: "Leggi Io che amo solo te".
L'ho acquistato quasi per caso, attirata un po' dalla trama, un po' dalla copertina! Non so perché, ma quei due peperoncini in copertina attiravano il mio sguardo!
L'ho letto, anzi l'ho proprio divorato e, da quel momento, l'ho consigliato ad una schiera così vasta di persone che, ormai, nel mio giro di amici/parenti/fedeli del blog non c'è una persona che non l'abbia letto ed apprezzato.
Ancora oggi, a distanza di mesi, io e Stefania (la mia Capa, colei che ha tirato definitivamente fuori La Libridinosa che è in me) ci scriviamo battute che rimandano al libro e che capiamo solo noi! Siamo diventate le Signore Photographer e abbiamo in mente di far sposare i nostri figli tra loro solo per poter organizzare un matrimonio identico in tutto a quello di Damiano e Chiara!
Quando ho saputo dell'uscita di questo nuovo romanzo, ho scritto a Stefania che "torna Vito"! E quando IL NON LETTORE (sempre mio marito!) mi ha detto: "Vabbè, tanto domenica andiamo a Milano, lo compri lì", l'ho guardato stranita e ho pensato: "Domenica? Ma il libro esce martedì. Mica posso aspettare sino a domenica per sapere cosa ne sarà di Ninella e don Mimì". Così, ieri mattina, mi sono alzata mezz'ora prima del solito (e io mi alzo già presto, ve lo assicuro!), ho acceso il mio Kobetto e ho acquistato l'e-book! L'ho letto, anzi, anche questa volta, l'ho divorato. Praticamente, ieri sera, mi sono addormentata con la faccia sul Kobetto e stamane ho ripreso da dove mi ero fermata, cioè a 10 pagine dalla fine. Perché io, la Signora Photographer, non posso aspettare sino a domenica. Quindi, caro NON LETTORE, domenica comprerò il cartaceo e lo riporrò direttamente in libreria, accanto al suo predecessore!
Detto questo, posso dire tranquillamente che, anche questa volta, Luca Bianchini è stato in grado di coinvolgermi, di farmi ridere, di farmi commuovere e di farmi mandare non so quanti messaggi con whatsapp all'altra Signora Photographer che, povero suo marito, rideva girando per casa senza alcun apparente motivo!
Mi piace! Mi piace il modo di scrivere di Luca, mi piace il modo che ha di far sentire il lettore un po' protagonista, come se fosse stato invitato a quel matrimonio  e, questa volta, si ritrovasse alla stessa tavola degli Scagliusi, con in mano i menù in pergamena e il servizio di piatti "Uccelli di Rovo"!
Particolarmente belli, in questo libro, sono anche i ringraziamenti finali dell'autore. Voi li leggete? Io sempre. E li leggo sempre prima di iniziare il libro.
Ma non sarei mai riuscito a riprendere in mano Ninella e don Mimì se non fossi stato investito da un'onda gigante di affetto da parte dei lettori.
Grazie di cuore a ciascuno di voi, che mi avete riempito di parole e abbracci e torte e peperoncini più di quanto meritassi. Grazie ai lettori "silenziosi", che si sono semplicemente ritrovati nelle mie avventure, e a quelli che mi hanno scritto, cui non sempre sono riuscito a rispondere. Ho però letto ogni volta con gioia: le nuove vicende di Nancy e Orlando sono anche figlie dei vostri commenti.
Ecco, questo è ciò che ho pensato quando ho saputo dell'uscita di questo nuovo libro: vuoi vedere che, a forza di parlarne tra lettori, che a forza di pubblicizzarlo, a Luca sia venuto in mente di farci sapere cosa ne sarà di Chiara, Damiano, Ninella, don Mimì e tutti gli altri?
Questo è uno di quei casi in cui uno scrittore accontenta realmente il lettore! Bravo, Luca! Bravo per come scrivi, bravo per la persona che sei.
Adesso, posso proporre una petizione? Io vorrei tanto sapere se Chiara avrà un piccolo Mimì e che ne sarà di Orlando e del suo nuovo amore! Luca, fai un po' tu! Magari, durante i tuoi viaggi in treno, ti viene voglia di organizzare una grigliata di Pasquetta!!
La mia valutazione: Photobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image Hosting
L'autore: Luca Bianchini è nato nel 1970 a Torino, dove torna appena può. Per Mondadori ha pubblicato i romanzi Instant Love (2003), Ti seguo ogni notte (2004), Se domani farà bel tempo (2007), Siamo solo amici (2011) e le nozze pugliesi di Io che amo solo te (2013), che gli hanno fatto scoprire ed amare una terra meravigliosa. Nel 2005 ha scritto la biografia di Eros Ramazzotti Eros – Lo giuro.
Collabora con "la Repubblica" e "Vanity Fair", per cui tiene il blog "Pop up". Dal 2007 conduce "Colazione da Tiffany" su Radio 2.
Sogna di avere un trullo con ulivo secolare e amaca per scrivere e ospitare gli amici.

Nessun commento:

Posta un commento